L’ITALIANO NON AMA LA RETE

Pubblicato: 24 dicembre 2007 da Willoworld in INTERNET

Confronto Europa-Italia
2003-2007

Percentuali “utenti” internet sulla popolazione

ue2007k.gif

I dati dell’Unione Europea sull’utilizzo di Internet in Italia confermano quello che stavo percependo da un po’ di tempo a questa parte. A parte il fatto che l’Italia è uno dei paesi più indietro per l’impiego della rete, si nota un leggero ma preoccupante calo d’interesse per il settore, soprattutto tra i più giovani.
I motivi possono essere tanti; la pessima distribuzione del servizio, i costi (tra i più elevati in Europa), il bel tempo (notare che i paesi che stanno più al computer sono quelli nordici) ma credo anche un certo desiderio d’ignoranza che da sempre regna sul caro stivale. D’altronde i recenti articoli del Times evidenziati da Grillo mostrano un paese alla deriva, vecchio e con poca voglia di rilancio.
Ho potuto constatare di persona questo graduale allontanamento da questo mezzo di molti miei contatti. Scelte disparate che non conosco nel dettaglio, ma che confermano ineccepibilmente i dati dell’Unione Europea.
Se è vero che la rivoluzione è globale ed informatica, l’Italiano rischia davvero di rimanerne fuori. Mentre si moltiplicano gli investimenti per far accedere alla rete anche i paesi poveri (i laptop a 100 dollari citati in un precedente articolo di Cainos ne sono la conferma), l’italiano medio fa un passo all’indietro e torna ad informarsi con i quotidiani dei partiti, con la TV delle pubblicità e con il passaparola. Un ritorno al medioevo…
I motivi per non amare questo mezzo ve ne sono, non lo nego. Molto meglio ritrovarsi a cena che in chat. Ma mi chiedo se alla cene si possa davvero parlare senza peli sulla lingua, come si fa virtualmente davanti a un schermo.
Temo che i mali ed i limiti di Internet siano diventati dei meri pretesti per giustificare l’apatia dell’italiano medio per le attività on-line. Che questa condizione sia stata un po’ indotta dai mezzi “ufficiali” dell’informazione non ne ho nessun dubbio. Siamo un popolo di vecchi, guidato da un pugno di vecchi e anche i nostri figli nascono già vecchi.
Speriamo bene!

CONSULTA I DATI DELL’UNIONE EUROPEA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...