In Italia il fascismo ha perso…

Pubblicato: 9 ottobre 2008 da 3my78 in POLITICA, RIFLESSIONI
Tag:, , , ,

Ha perso sì! Parlo della seconda guerra mondiale.
Sappiamo tutti com’è andata;gli Alleati e i comunisti hanno vinto.Si sono “spartiti” la torta e noi siamo capitati sotto l’ala yankee.
Gli sconfitti hanno ripiegato,hanno subito e sono stati confinati ideologicamente in un angolino piccolo e buio. Esiste una legge chiamata Apologia del fascismo servita appunto per mettere nella riserva chi credeva (e crede) nel suddetto ideale.

Eppure guardando la controparte non si scorge qualcosa di meglio.Probabilmente se fossimo stati sotto dittatura comunista una volta persa la guerra avrebbero fatto una “Apologia del comunismo”.Però quasi quasi a pensarci bene non sarebbe sbagliato…anche se poi il ritornello urlerebbe: ma il comunismo è considerato come dottrina filosofica.
Per ora non m’interessa entrare nel merito degli scritti,pensieri,correnti di
Marx,Trotsky e compagnia bella.

Mi interessa vedere cosa ha portato di utile al mondo questa corrente ideologica…l’utopia del comunismo è cosa ben risaputa;è inapplicabile in una società che voglia essere democratica.Lo ha dimostrato la storia,non c’è un paese comunista (e dico uno!) che non sia finito sotto brutale totalitarismo di regime.Eppure non esiste “un qualcosa” che possa vietare,a chi lo voglia,di fare partiti comunisti,centri sociali comunisti etc. etc. Potrà sembrare illiberale questo pensiero,forse lo è,ma loro sono i primi ad esserlo,quindi non credo avranno da obiettare su questo punto.

Cmq lo spunto di questo articolo è nato leggendo la notizia di Milano.Qualche giorno fa è stato aperto un centro di destra,chiamato Cuore Nero,dove sono nati scontri con le F.D.O. da parte di oppositori ideologici in quanto non ritengono giusto che :“un centro di reclutamento e di iniziativa che si trova a pochi metri dal centro sociale Torchiera e a pochi centinaia di metri dal campo rom del Triboniano e di via Barzaghi“. E quindi? Detto da un esponente di Rifondazione COMUNISTA fa sorridere. I cari Compagni.

Sinceramente non conosco Cuore Nero,però conosco benino Casa Pound e posso dire che è un buon centro.Ce ne fossero così…

Se qualcuno dopo questo articolo vorrà “bollarmi” come fascista dico subito che mi spiacerà per lui,in quanto non lo sono,anche se mi oriento a dx.Mentre se vorrà darmi dell’anti-comunista potrò dirgli solo che ha ragione,in quanto lo sono.

Saluti (non romani)

commenti
  1. willoworld ha detto:

    Fascismo, comunismo, destra, sinistra….
    …ma non ci siamo stancati di queste definizioni? Io credo che oggi, con quello che sta succedendo, non servono a nulla. Ci hanno incultato questo bipolarismo per tenerci buoni, come quando assistiamo inebetiti alla partita clou del campionato, milan-juventus… o di qua o di lá… nessuna scelta… anzi no, la scelta te la diamo…
    alla maniera di Bush, o con noi o contro di noi;)))))))
    Molto piú semplice controllare un gregge di pecoroni che vede solo bianco o nero (anzi rosso o nero;))))) che un branco di lupi che riconoscono ogni sfumatura…:))))
    Le cose non sono mai come ci appaiono….
    60 anni di condizionamento mediatico, guerra fredda, demonizzazione del comunismo, idealizzazione del sogno americano e della pseudo-libertá da perfette bestie da consumo.
    Parliamo per esperienze dirette, le uniche che possiamo ritenere vere.
    Io ho avuto la fortubna di chiedere a 5 persone che hanno vissuto sotto il comunismo come lo hanno percepito. Tutte quante mi hanno detto che non ne hanno sofferto, anzi…
    Una rumena: “eravamo in nove in famiglia ma non ci mancava niente. Poi é caduto il governo e mi é toccato venire in Italia a lavorare!”
    Un albanese: “Ai tempi del comunismo c’era la media di un morto ammazzato l’anno a Tirana. La cittá piú tranquilla d’europa. E qui in Italia a noi albanesi ci prendono tutti per delinquenti”
    Una polacca: “Non ho ricordi negativi. Nessuno!”
    Una cubana: “Povertá si, ma vivevamo tranquilli”
    Una lituana: “Frequentavo gli ambienti aristocratici e di cultura russa. A volte mi mancano…”
    Esperienze dirette. Tutto qui.
    Al contrario il fascismo:
    Il padre di mia nonna veniva bastonato a sangue regolarmente dai fasci. Lo aspettavano fuori dall’osteria (perché gli piaceva bere;)))) e poi lo picchiavano e gli prendevano lo stipendio (perché sapevano che era comunista!)
    Un giorno incontrai un vecchietto sulla panchina delle cascine. Fu uno di quelli incontri “magici”, di quelli che ti segnano dentro. Mi raccontó che faceva parte della resistenza. Faceva la guardia sull’appennino, e dava il cambio ad un compagno che purtroppo venne ucciso (e me lo riveló con le lacrime agli occhi…. signori… i brividi!!!;))) Mi disse: “Quanti ragazzi hanno dato la vita, perché credevano di poter dare ai loro figli un mondo migliore…. e invece guarda come siamo diventati!!” a quel punto mi si mise a piangere, su quella panchina. Io rimasi basito, scombussolato dalle emozioni.
    Fatti, non estrapolazioni dai libri di storia oppure dicerie virtuali, locandine o riviste asservite al potere. Prove tangibili, perché é l’unica realtá di cui possiamo fidarci.
    Ma il comunismo é obsoleto cosí come il fascismo, cosí come il cristianesimo e le altre religioni. Bisogna prendere coscenza di ció che ci lega tutti quanti, e non di ció che ci separa. Le ideologie o sono morte, o stanno agonizzando. Ed é un bene. Le ideologie separano.
    Dobbiamo riconoscerci come i tasselli di uno splendido disegno, ognuno connesso, ognuno facente parte di qualcosa di grande. Niente piú divisione (il che non significa che tutti dobbiamo scegliere la stessa via, ecco perché parlo di sfumature e non di bianchi e neri…) Ognuno in maniera diversa, a modo suo, deve fare la sua strada, ma la meta deve essere la stessa. Lo stare bene insieme.
    Ciao a tutti…. adesso mi vado a bere un vinello!!;)))
    E grazie a 3My78 per i suoi brillanti articoli !

  2. 3my78 ha detto:

    Posso in parte essere d’accordo con la parte iniziale del racconto.Ma resta il punto,importante,che solo conoscendo il nostro passato possiamo capire il presente e soprattutto costruire il futuro,quindi non è possibile mettere da parte idee che,cmq ancora oggi,lasciano un solco profondo nella nostra società.
    Per i racconti tangibili sulla nostra pelle,bisogna vedere dove si vanno a prendere.Forse a Gorizia non la penserebbero allo stesso modo,come chi ha dovuto bruciare sulla propria pelle la rivoluzione culturale cinese.Altrimenti si rischia di far passare per marcio un messaggio e buono un altro.Però questo allontana dalla realtà.
    Eppure il Comunismo,che tanti invocano come buona,ha portato con se tanti quei problemi e morti che neanche 100 fascismi eguaglierebbero.Però ne abbiamo una percezione diversa,perché in italia grazie a Dio non ha mai attecchito,altrimenti non so…

  3. Willo ha detto:

    Quello che voglio dire, semplicemente, é che oggi abbiamo la prova tangibile del fatto che ci stanno raccontando un mucchio di baggianate! E la mia domanda nasce spontanea: Da quanto tempo ce le stanno raccontando???;)
    É piú di un anno che so di questo crollo finanziario. L’ho detto a mio suocero e a mio cognato, che hanno i loro affari e dovevano esserne al corrente, e non sapevano nulla. L’ho detto al cugino di mia moglie, che é commercialista… niente. Mi hanno tutti guardato con l’espressione tipo… ecoo il solito cospirazionista internettoide. Oggi invece mi guardano in maniera diversa… magari se mi stavano a sentire…(dato il crollo della Fortis e alcune banche in cui hanno investito).
    Allora, perché i media ufficiali non hanno mai detto le cose come stanno fin dall’inizio? Ovvio, perché non funziona cosí!!
    Ci viene detto solo quello che dobbiamo sapere, non di piú. e questo vale su tutti i campi, giornalismo, istruzione, rappresentazioni cinematografiche. É la grande macchina della realtá percepita, qualcosa di diverso dalla relatá quella vera. Perché anche se tu volessi raccontare un fatto oggettivo, rimarrá sempre la tua rappresentazione…
    Con questo non voglio dire che non dobbiamo informarci, anzi, l’esatto opposto. Informiamoci (a 360 gradi) ma non crediamo a tutto quello che ci viene detto. Io personalmente so ma non credo. Poi cerco di farmi un idea, alleno il terzo occhio, uso l’intuizione…. il secondo passo é evolversi, appunto. Sapere dove andare conoscendo il nostro passato (le interpretazioni del nostro passato) e non credendoci ciecamente. EVOLUZIONE appunto, che non potrá mai basarsi su dei fondamenti stantii come il comunismo o il fascismo, o la sinistra e la destra…. Nuove visioni, nuove correnti, nuove idee…
    Riguardo alla tua ultima affermazione, non dobbiamo ringraziare Dio se in Italia non ha attecchito, dobbiamo ringraziare gli americani (che vendono la democrazia quando gli fa comodo) nel 48′ la CIA falsó le elezioni italiane, sennó il tumore comunista sarebbe andato senz’altro in metastasi. Ohi, ohi!!!! E chissá…. magari vivemao un utipia ancora piú gloriosa di quella di Tito in Yugoslavia…(di cui per altro non possiamo sapere niente di piú di mere rappresentazioni;)))). Boh!!!!
    Comuqnue il paradosso é lampante. Democrazia. Governi regolarmente eletti (sono molti gli esempi che si possono portare, soprattutto in sud america) e poi ti arrvano gli yenkees e mettono al potere chi vogliiono loro. Una bellezza!!!;))))
    Comunque, andiamo avanti. Basta camice nere, basta bandiere del Che…. Andiamo avanti, e vediamo di fare di meglio….
    Un abbraccione!!!!

  4. 3my78 ha detto:

    Ti dirò: probabilmente più avanti porterò un articolo che feci sul fascismo,così vedrai qual è il mio pensiero in merito. E non si basa sui testi scolastici fatti da chi,ha vinto la guerra:-)
    Rimango dell’idea che bisogna sempre seguire certi accadimenti,anche per non farli ripere,in quanto l’uomo tende a dimenticare o forse proprio a rimuovere tutto ciò che di sbagliato c’è.Probabilmente è un’auto difesa che attua incosciamente…per questo serve sapere,riportare,citare e parlare.
    Gli americani benedicono Dio,io mi riallaccio a lui per il favore che ci hanno fatto.E’ un cerchio che si chiude…ma che sistematicamente si riapre,come hai detto;fanno e disfanno. Se lo possono permettere (per ora) e lo fanno.
    Prima o poi anche il loro ciclo si chiuderà e qualcun’altro prenderà quel posto…perché vacante non resterà.
    Cmq anche se non ha attecchito pienamente a livello istituzionale,il comunismo lo ha fatto a livello sociale,in tutti gli strati…e sinceramente si nota! Sono anti comunista,è la mia indole.
    Un abbraccio e buon fine settimana Willo 🙂

  5. cainos ha detto:

    Bellissimo scambio di opinioni ragassuoli, al quale non riesco ad aggiungere niente, in quanto la parte pratico filosofica l’ ha ben portata avanti il willo, mentre la filosofica sociale £my78, ergo per cui non posso fare quello che prediligo put myself in a different angle!!
    Non un Angolo comodo cmq.
    Metto solo una nota perche’ sempre troppo facilmente si cade nei luoghi comuni.
    3my78, con cui su molti punti concordiao politicamente, quando dice di essere Anticomunista , posizione in cui anche io mi relego, non vuol dire ne che e’ un Fascista nel senso piu’ conosciuto del termine( olio di ricino e manganello viva IDuce ritorneremo), ne un anticomunista alla Berlusconi ( che ogni occasione e’ buona per tirarli in ballo) sicuramente il post che ha promesso fara’ luce su questa posizione.
    Il nostro Anticomunismo verte proprio su quei comunisti pieni zeppi di luoghi comuni , Compagno, Occupiamo, Alziamo il livello dello scontro, Proletarismo nstabile per una insoburdinazione Statale, meritocrazia sistematica, e tutti questi atteggiamenti, paroloni, modi di fare, che come cita Willo nel suo primo commento hanno riempito la bocca di questa casta di persone!! e Questo vale in tal senso anche per quelli di destra con gli esempi citati prima.
    Insomma alla fine in una parola il Popolino! quale e’ a differenza pero’ fra il popolino di destra e il popolino di sinistra, che quest’ ultimo e’ piu’ numeroso!!
    Ma qui dico e ribadisco io Biasimo sia il Compagno Centre sociale occupate mo cu cazze che ce cacciate, sia il Camerata VivaIDuce ritorneremo!! su questo non ci piove!!!

    ps spero che non mi sia incasinato troppo mi fa fatica rileggere il commento!!!

    Cainos

  6. 3my78 ha detto:

    Sì Cainos. Hai descritto perfettamente la mia,nostra,indole.Hai questo dono (della spiegazione) che a me manca:-)
    Il camerata “me ne frego,boia chi molla,tanti nemici tanto onore etc. etc.” con il manganello in mano e lo spillo nel culo per camminare eretto lo metto nello stesso angolino del compagno cannato del centro sociale che si ubriaca di paroloni da te descritti egregiamente:)

  7. willoworld ha detto:

    Allora siamo piú o meno in tre…:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...