LETTURE IN CALZAMAGLIA

Pubblicato: 10 febbraio 2009 da Willoworld in NARRATIVA
Tag:, , , , ,

SOLITARIO
di Gano

Serata sul divano
Televisore spento
Mi basta la mia mano
Inizia il movimento

Ripenso all’altra sera
Gigliola si chiamava
Sui cinquanta, donna vera
La schiena mi baciava… continua…

IL DIAMANTE DI PARDISIA
di GM Willo

Per alcuni il corpo è un’estensione; per altri una zavorra. Di sicuro andava nutrito, ma a quello ci pensava il Sanoxan, due barrette di cioccolato sintetico ultravitaminico prima di attaccarsi al processore.
Poi c’era la mente; anche lei andava nutrita se si voleva viaggiare veloci e stare dentro a lungo.  Vi erano molti modi per farlo. Kelos (questo era ormai il suo nome, sia dentro che fuori) mischiava 400mg di Targan insieme a due cucchiai di sciroppo Dhuran a base di oppiacei. Poi viaggiava fluido per due giorni interi, cavalcando attraverso le foreste di Freesia, penetrando in Pardisia senza farsi fermare dai suoi temibili guardiani… continua…

L’EVOCAZIONE FATALE
di Jonathan Macini

Krisha, evocatrice dell’Ombra, rimase dentro i confini dei disegni; cerchi e simboli tracciati col gesso sotto la navata del tempio. Domandava i servigi di Ukrodrolhak, Ombrato del settimo cerchio… continua…

LE LUCI DELLA CITTÁ
di Marco Filipazzi

Le luci della città facevano capolino oltre il guardrail della tangenziale intasata. Era così ogni sera… continua…

L’ULTIMA CICCA
Progetto “Passami la storia”

«Che diavolo sei venuto a fare qui se non abbiamo più niente da dirci?»
«Lo sai che non sono venuto qui per parlare.»
Lo vidi frugare nervosamente nelle troppe tasche del giaccone imbottito, fino a quando un accenno di sorriso sancì il successo della sua ricerca… continua…

LA SOLUZIONE DI JESSIE
Progetto “Passami la storia”

Ci sono cose nella vita che cambiano; altre invece non cambieranno mai.
Nonostante i miei cinquant’anni di servizio non riesco ancora ad abituarmi a scene come queste, povera Jessie.
E pensare che l’ho vista crescere: mi sembra ieri che correva felice nel giardino davanti casa e mia moglie…ah! come si arrabbiava quando le calpestava con i suoi piedini minuti le orchidee… continua…

NOTTE BIANCA
di Marco Filipazzi

Un’altra notte bianca stava volgendo al termine. In lontananza, oltre le cime dei palazzi, il cielo iniziava a schiarirsi timido… continua…

L’ATTESA
di Fida

Un’ora di attesa e ancora non è il mio turno. Mi annoio, mi guardo intorno ed ho già letto tutte le riviste. Un bimbo esuberante, che tiene banco, attira la mia attenzione… continua…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...