LETTURE LEOPARDATE

Pubblicato: 18 febbraio 2009 da Willoworld in NARRATIVA
Tag:, , , ,

letture-leopardate

L’ULTIMA CICCA

«Che diavolo sei venuto a fare qui se non abbiamo più niente da dirci?»
«Lo sai che non sono venuto qui per parlare.»
Lo vidi frugare nervosamente nelle troppe tasche del giaccone imbottito, fino a quando un accenno di sorriso sancì il successo della sua ricerca… continua…

LA SOLUZIONE DI JESSIE

Ci sono cose nella vita che cambiano; altre invece non cambieranno mai.
Nonostante i miei cinquant’anni di servizio non riesco ancora ad abituarmi a scene come queste, povera Jessie… continua…

LA STORIA DI FRIDO DEI MONTI E LARA DEL FIUME

Questa è la storia di Frido dei Monti e Lara del Fiume, e di come essi si amarono lontano dalle loro case e dalle loro famiglie, al solo cospetto della più antica quercia del mondo.
Frido era il giovane figlio di un pastore, e viveva sulle Montagne Raminghe. Lara era una sacerdotessa di un antico culto, e viveva nel monastero sul fiume Vegre… continua…

SERATA FM

La radio quella sera sputava pezzi jazz, roba acid tipo Jimmy Smith, oppure il vecchio Coltrane.
Vecchia buona radio, ricordo ancora quando la comprai, ormai saranno passati quasi dieci anni. Era un po’ nascosta dietro agli imponenti stereo di nuova generazione, ma mi chiamò, come fanno le cose quando scelgono un padrone… continua…

UNA SOTTILE LINEA DI FUMO

Ci sono momenti in cui la memoria è un luogo da cui bisognerebbe solo scappare, invece io ero lì, piantato come un chiodo arrugginito su uno sgabello appiccicoso di chissà quali umori. Pensavo davvero di aver ripagato il mio debito, di aver cancellato anche tutti quelli che ne erano a conoscenza, e invece mi ritrovai Lui a cinque centimetri dal viso… continua…

DESIDERIO DI PROLE

“Siete disposti ad accogliere con amore e responsabilmente i figli che Dio vorrà donarvi?”.
Ricordo, come se fosse ieri, quelle parole a cui non avevo mai dato tanto peso perché credevo fosse naturale che, dopo qualche anno dal fatidico sì, si cominciasse a pensare alla maternità… continua…

LA NEBULOSA DEL CANCRO

Che cosa nasconde quel messaggio, quell’assurda accozzaglia di simboli, quel suono ipnotico sparato da una distanza di milioni di anni luce?
Ve lo dico io cosa nasconde… è la voce di Dio, quella. E sapete cosa ci sta dicendo? Che siamo proprio dei coglioni!! continua…

NETTURBINI

Mi chiamo Alvin, quarantetreanni, faccio il netturbino, e che cazzo, penserai adesso, ma aspetta che ti racconti di quella sera in cui trovai la ragazza, una morona da urlo, calze bianche e culo all’aria. Eh già, mica sto scherzando. Io le stronzate non le dico. Non sono come quel deficiente di Fester, il mio collega… continua…

…e ancora tre 101 PAROLE…

IL SALICE PIANGENTE

TERRA ROSSA

L’AVVENTO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...