Posts contrassegnato dai tag ‘Astronomia’

RISCOPERTO IL PIANETA ABITABILE

Pubblicato: 30 settembre 2010 da Willoworld in SCIENZA
Tag:, , , ,

Stamattina apro la posta di Yahoo e per caso mi imbatto in una notizia di astronomia che coglie la mia attenzione. Di solito faccio lo slalom tra le notizie di Yahoo, che sembrano rivolte ad un pubblico di decelebrati mentali, ma questa storia del pianeta abitabile l’avevo già sentita perciò faccio una piccola ricerca on-line e scopro che nell’aprile 2007 fu data la stessa notizia. Allora questo fantomatico pianeta che assomiglia alla Terra era stato scoperto nell’osservatorio di La Silla, in Cile, mentre questa volta è la NASA che da la notizia. Controllate pure i due articoli. Si tratta proprio della stessa stella nana rossa, Gliese 581, situata a 20 anni luce da noi, e del medesimo pianeta di raggio 1,5 volte la Terra.

La Nasa ci dice anche che gli ci sono voluti 11 anni di osservazioni per scoprire questo fantomatico Pianeta. Beh, potevano chiamare i loro colleghi in Cile, dico io, oppure fare una piccola ricerchina in rete.

Allora la domanda risorge spontanea: ma quanto devono cadere in basso le testate giornalistiche e gli altri strumenti di propaganda perchè la gente smetta di credervi?

AGGIORNAMENTO: Ho notato che anche le più importanti testate italiane, dal Corriere a Repubblica, hanno riportato la notizia… che spettacolo!!!

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Like This!

QUEL PALLIDO PUNTINO BLU

Pubblicato: 7 giugno 2010 da Willoworld in RIFLESSIONI, SCIENZA
Tag:, ,

Sono passati vent’anni da questa foto storica, il pallido puntino blu, l’immagine della Terra dalla distanza massima di 6 miliardi di chilometri scattata nel 1990 dal Voyager 1. Quella è la nostra casina, che pare così piccina, fragile, quasi insignificante dentro l’inafferrabile vastità del cosmo.

Osservate questa immagine.
Osservatela bene.
Cosa sentite?
Paura?

Fate bene ad aver paura…
Fate proprio bene ad aver paura…

Ricordate quella cosa chiamata “continuum spazio-tempo”? Bene, cosa succederebbe se la parte dell’equazione riguardante il tempo si stesse letteralmente letteralmente esaurendo? Nuove prove suggeriscono che il tempo stia lentamente scomparendo dal nostro universo e possa un giorno svanire completamente. Questa nuova affascinante teoria potrebbe spiegare un mistero cosmologico che ha sconcertato gli scienziati per anni.

Gli scienziati fino a oggi hanno osservato la luce derivante dalle esplosioni dalle stelle più lontane, dimostrando che l’universo si trovi in una fase di espansione ad un ritmo sempre più accelerato. Nel far questo hanno dato per scontato che queste supernovae si disperdessero a una velocità crescente con l’invecchiare dell’universo. I fisici hanno anche ipotizzato l’esistenza di una forza antigravitazionale che spingesse via le galassie, e hanno iniziato a chiamare questa forza sconosciuta “dark energy”.

Tuttavia, fino ad oggi nessuno sa veramente che cosa sia questa “energia oscura”, o da dove essa provenga. Il professor José Senovilla e i suoi colleghi presso l’Università dei Paesi Baschi a Bilbao, in Spagna, hanno proposto una curiosa alternativa. Essi credono che non esisti affatto questa energia oscura, e che stiamo semplicemente guardando le cose all’indietro. Senovilla pensa che siamo stati ingannati a pensare che l’espansione dell’universo stia accelerando, quando invece è il tempo stesso a rallentare. A livello di tutti i giorni il cambiamento non è assolutamente percepibile. Tuttavia diventerebbe evidente con misurazioni in scala cosmica su un intervallo di miliardi di anni. Dal punto di vista umano il cambiamento non è rilevabile, ma in un’ampia prospettiva cosmologia e attraverso lo studio della luce di soli che brillavano miliardi di anni fa, questa differenza potrebbe essere facilmente misurata .

La proposta di questa squadra di ricerca, che sarà pubblicata sulla rivista Physical Review D, respinge il concetto di energia oscura. Secondo il prof Senovilla l’apparente accelerazione è causata dal fatto che il tempo stesso stia gradualmente rallentando, come un orologio con la batteria a fine.
“Noi non diciamo che l’espansione dell’universo sia un’illusione” spiega. “Quello che riteniamo possa essere un’illusione è l’accelerazione di questa espansione”.

Se il tempo rallenta a poco a poco, ma noi ingenuamente continuiamo ad usare le nostre equazioni per rilevare i cambiamenti di espansione nei confronti di ‘un flusso standard di tempo’, ovviamente i  modelli di cui facciamo uso ci mostreranno un tasso di  “effettiva accelerazione in espansione”.

Attualmente gli astronomi sono in grado di discernere la velocità di espansione dell’universo con la tecnica del “red-shift”. Questa tecnica si basa sulla comprensione che le stelle che si allontanano appaiono di un colore più rosso di quelle che si spostano verso di noi. Gli scienziati osservano alcune specie di supernovae che fanno di punto di riferimento. Tuttavia, la precisione delle misurazioni è strettamente legata all’invariabilità del tempo nell’universo. Se il tempo sta effettivamente rallentando, la nostra dimensione temporale si starebbe lentamente trasformando in una nuova dimensione spaziale. Pertanto, le stelle più vecchie e di conseguenza più lontane, viste dalla nostra prospettiva, sembrerebbero accelerare.

La teoria si basa su una particolare variante della più famosa teoria delle superstringhe, nella quale si presuppone che il nostro universo sia confinato sulla superficie di una sorta di membrana, e galleggi su uno spazio dimensionale più alto chiamato “Bulk”. Secondo questa nuova teoria, in miliardi di anni il tempo cesserebbe di esistere.
“Allora tutto sarà congelato, come l’istantanea di un istante, per sempre”, ha detto Senovilla alla rivista New Scientist. “Per allora il nostro pianeta non esisterà più.”

Anche se in maniera radicale queste idee non sono prive di sostegno. Gary Gibbons, un cosmologo all’Università di Cambridge, afferma che il concetto merita attenzione. “Crediamo che il tempo sia nato durante il Big Bang, e se il tempo può emergere potrebbe, come effetto contrario, potrebbe anche sparire”.

Articolo originale di Rebecca Sato: http:/www.dailygalaxy.com/my_weblog/2009/09/is-time-slowly-disappearin.html

Traduzione di Willoworld

La Leggenda degli Astromanti è un progetto nato per gioco, proseguito per divertimento e conclusosi per diletto, insomma, alla maniera che piace a me. Nessuna logica di mercato, nessuna ambizione di successo, nessun altro intento se non quello di dare vita ad una storia attraverso parole, immagini e giochi di luce.

Conservo ancora alcuni appunti del lontano 1992 per un personaggio da gioco di ruolo, un “Astromante” appunto, da includere dentro una vecchia campagna di Dungeons & Dragons. Questo nuovo mago conosceva nuovi incantesimi e attingeva il potere direttamente dagli astri. Purtroppo non sono riuscito mai a giocarlo, ma l’idea di questo curioso stregone mi è rimasta in qualche intercapedine della mia testolina.

Quando poi ho incominciato il progetto di 101 Parole (brevi storie di fantasia) ho pensato di utilizzare questo personaggio per una mini-saga a capitoli (di 101 parole appunto) divisa in tre atti. Ne è nata una storia tra il mistico e l’allucinato, una fantasy abbastanza classica ma con un risvolto filosofico tutto da interpretare. Forse ai lettori apparirà ancor più vago di quanto mi aspetti.

Qualche mese fa mi è poi presa la voglia di scrivere anche un breve racconto che è una sorta di “prequel” agli eventi descritti nei tre atti. Ritrovandomi tutto questo materiale tra le mani ho pensato poi di farne un’opera compiuta e da lì è partita l’idea di trasformare tutto in un e-book illustrato. Ho scritto altri tre racconti brevi che ho inserito frammezzo agli atti e che descrivono eventi antecedenti alla saga di 101 Parole, ma che in qualche modo servono a delineare meno vagamente il mondo di cui narro la storia.

Per le immagini mi sono avvalso di alcune splendide fotografie della NASA e del telescopio Hobble che ho elaborato in chiave astratta con photoshop, cercando di ricreare questo mood filosofico-sognatore di cui l’opera è pregna. Durante la correzione finale ho apportato alcune modifiche anche ai testi di 101 Parole (senza mai alterarne il numero ovviamente) laddove ho ravveduto delle imprecisioni.

Per la copertina di questa pubblicazione digitale della Edizioni Willoworld ho chiesto aiuto al solito grandissimo Charles Huxley che se n’è venuto fuori con un’immagine davvero grandiosa, grazie anche alla foto di Voivodess (http://voivodess-stock.deviantart.com/) Quindi a questo punto non vi rimane che scaricare il PDF e spararvelo sull’e-book reader o semplicemente sul vostro PC. Buona lettura, anzi… Buon viaggio!!!

GM Willo

SCARICA LA LEGGENDA DEGLI ASTROMANTI IN PDF

LA SAGA DEGLI ASTROMANTI ATTO III

Pubblicato: 29 novembre 2009 da Willoworld in FANTASY, NARRATIVA
Tag:, , ,

Si conclude oggi il terzo atto della Saga degli Astromanti, un progetto fantasy iniziato lo scorso anno e portato avanti attraverso 60 interventi all’interno del blog 101 Parole. Ogni capitolo è infatti composto esattamente da 101 Parole.

Ultimamente ho scritto per questa mini-saga anche alcuni racconti che andranno ad aggiungersi ai tre atti in un e-book di prossima pubblicazione. Le storie di questo mondo immaginario in cui i maghi attingono i loro poteri dal cosmo, saranno accompagnate da alcune immagini astronomiche che ho personalmente elaborato in photoshop, una vera e propria galleria magica. Qui sotto il riadattamento dell’esplosione di una supernova.

Estratti direttamente dal blog 101 Parole, ecco qui i venti interventi che compongono il terzo atto di questa saga. Per visionare il resto della storia seguite questi link: Atto I, Atto II, Il Presagio del Nero Occhio (il primo dei quattro racconti che faranno parte della pubblicazione digitale).

IMMAGINE: Residui di Supernova (GM Willo)

LA GASA DEGLI ASTROMANTI ATTO III

I. ESILIO

«Cosa facciamo adesso?» domandò Rudor al maestro Tielsin.
«È giunto il tempo di risanare la terra. Dobbiamo andarcene» rispose l’astromante.
«Tielsin ha ragione. Gli uomini non hanno più bisogno di noi…» aggiunse Alia.
Il giovane Kido, nonostante il tradimento, piangeva accanto al cadavere del padre.
«Questa torre ospiterà i nostri corpi, mentre gli spiriti alloggeranno presso la nebulosa dell’Aquila. Rudor, radunerà gli altri astromanti e Kido rimarrà a vegliare le nostre spoglie mortali.»
«Io?» domandò il ragazzo tra i singhiozzi.
«Sei il più giovane e hai dimostrato di avere molto più giudizio di tuo padre. Si, tu rimarrai qui ad osservare… continua…

HUBBLE UPGRADING

Pubblicato: 11 settembre 2009 da Willoworld in SCIENZA, TECNOLOGIA
Tag:, ,

Il telescopio spaziale Hubble é stato recentemente rinnovato, un restauro che ha permesso di accrescere le sue proprietà di acquisizione e risoluzione delle immagini. Guardare per credere…

Hubble01

Omega Centauri 2002 e 2009

Hubble02

Stephan’s Quintet 2000 – 2009

Hubble03

Nebula Butterfly prima e dopo

Bookmark and Share

elia copertina finale01p

Ho deciso di scrivere un libro per bambini all’anno. Nel 2007 terminai Il Libro di Floria, che incominciai nel 2005 ma interruppi a metà. Il libro poi lo pubblicai all’inizio del 2008, e un paio di mesi dopo scrissi il mio secondo libro per bambini, I Musikanti di Amberyn, leggermente più pretenzioso, quasi un piccolo romanzo.

Con questo viaggio spaziale sono voluto tornare alla brevità del primo libro, cercando di alternare immagini e situazioni molto semplici a piccole riflessioni di saggezza popolare. L’ispirazione è scontatamente quella del Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, un libro molto importante, sia per me che per molte persone che mi sono state vicine.

Elia é un piccolo astronauta che, a bordo della sua buffa navetta a forma di ghianda, visita tutti i pianeti del sistema solare, e su ogni mondo avrà modo di farsi nuovi amici.

La copertina del libro è stata fatta del mio preziosissimo collaboratore Charles Huxley, che nonostante gli impegni di lavoro riesce ancora a ritagliare un pezzettino di vita per portare avanti le attività creative di Willoworld.

Il libro è possibile scaricarlo gratuitamente in formato PDF, e come tutto il materiale delle Edizioni Willoworld, riproponibile ovunque, basta che non lo si faccia a scopo di lucro. Questo è in sintesi il manifesto del Creative Commons.

È possibile anche acquistare una copia cartacea del libro attraverso i servizi di autopubblicazione Lulu e Blurb.

GM Willo

SCARICA GRATUITAMENTE IL FORMATO PDF

ACQUISTA SU BLURB: 4,50 euro

ACQUISTA SU LULU: 8,13 euro

VISITA LA PAGINA UFFICILAE DEL LIBRO

Bookmark and Share

JIMAN LO STRISCIANTE

Pubblicato: 17 ottobre 2008 da Willoworld in NARRATIVA
Tag:,

Nel remoto cosmo dimorano gli Striscianti, esseri di fuoco e tenebre, ignari della scienza e delle sue leggi. Rispondono solo alla loro follia, e al desiderio d’appartenenza…

CONTINUA A LEGGERE

La Leggenda degli Astromanti, un epopea in 101Parole!