Posts contrassegnato dai tag ‘daniele frisina’

L’arte incontra la buona cucina. Venerdì 7 agosto, a partire dalle ore 20, presso il Ristorante Artegaia a Fiesole, avrà inizio la mostra d’Arte contemporanea di Daniele Frisina, giovane artista pontino. Comodamente seduti ai tavoli del ristorante sarà possibile apprezzare le opere esposte, oltre che gustare le specialità di pesce proposte dal locale di via Faentina.Ogni quadro sarà corredato da una sintetica descrizione/interpretazione a guisa di arricchimento del titolo dell’opera scritta dalla giovane scrittrice Giulia Riccò.
Appuntamento dunque per questo fine settimana in una delle più importanti città etrusche alle pendici dell’Appennino tosco-emiliano. La mostra resterà aperta fino al 25 settembre negli orari del ristorante.

Per un piccolo highlight sulle opere proposte visitate questo link di Rivoluzione Creativa.

Bookmark and Share

LITTLE SWEET PAIN

Pubblicato: 26 febbraio 2009 da Willoworld in ARTE, EVENTI
Tag:, , , ,

locandina-little-sweet-pain

DanieleFrisina
in mostra
Little Sweet Pain
27 febbraio 21 marzo
verinissage venerdi 27 ore 18,30
libreria Piermario & co.
Via Armellini, 26 – Latina

Sono i sentimenti, i “piccoli dolci dolori” quotidiani, il tema principale della mostra “Little sweet pain” di Daniele Frisina, giovane artista di Latina, che verrà inaugurata venerdì 27 febbraio alle ore 18.30, presso la libreria Piermario&co in via Armellini 26.

22 le opere esposte che attraverso colori e linee parlano di malinconia, nostalgia e rimorso; ma non si tratta di dolori fini a se stessi. Le sofferenze segnano sempre una crescita, un’evoluzione delle emozioni con le quali ogni giorno ci rapportiamo e con le quali affrontiamo il mondo.

La tematica del rimorso, ad esempio, viene trattata attraverso l’immagine di un cane che si morde la coda, soggetto riproposto in più quadri ma con colori differenti, secondo il fare tipico della pop-art. La particolare tecnica usata è mista: le tele sono state incellophanate per dare l’idea di un prodotto nuovo, ancora intonso, ma nello stesso tempo passato sotto le mani dell’artista che lo ha lavorato.

Dieci opere sono state invece realizzate su legno, tramite tecnica mista, e riprendono il soggetto di sempre, l’omino stilizzato. Due sono invece i quadri di grandi dimensioni: “L’ombrello che si allarga” e “Chi è causa del suo mal…”. La mostra resterà aperta fino al 21 marzo.

Per contatti stampa

340.4082782

Critica a cura di Silvia Sfrecola Romani

Dall’autoritratto con il pennello tra i denti ai cagnolini stile manga, i lavori di Daniele Frisina, classe 1980, ti catturano con la loro immediatezza che non è mai spontaneità quanto piuttosto schiettezza esecutiva perché ogni singolo particolare, prima di essere dipinto, viene attentamente e meticolosamente valutato. Allievo di Giuliana Bocconcello, da cui ha mutuato una ricerca espressiva emotivamente autentica, Daniele però è un fumettista della miglior specie, poco istintivo, ma ineccepibile e perfezionista, che prepara minuziosamente ogni lavoro, su carta, al computer, quindi su tela. Ma è al colore che Daniele affida la sua emozionalità più autentica e per certi versi nascosta, sebbene continuamente in lotta con quelle linee nere, così spesse, che cercano di chiudere, comprimere, contenere uno slancio emotivo autentico e passionale.

Se li hai visti una volta, i suoi lavori, te li ricordi: i suoi omini iconicamente inespressivi, eppure teneramente malinconici, hanno occhi spalancati ma sono privi di bocca, braccia o gambe perché nessuna possibilità viene data all’esterno di entrare in comunicazione; ad individuarli è quella linea continua, spessa, grossa e nera, che come un serpente trattiene perfidamente tra le sue spire colori forti, la cui carica simbolico-espressiva, pare non essere affatto disposta a cedere. Daniele dosa e valuta rigorosamente anche i colori (il verde è ambiguità, il magenta è calore-bontà, il giallo tensione, il blu assenza) perché niente va ‘spiattellato’ sulla tela senza una rigorosa pre-selezione.

E’ come se Daniele avesse messo a punto un suo sistema simbolico, quasi una segnaletica estetico-espressiva, inconfutabile e rassicurante come un semaforo (della serie rosso stop, verde vai). Apparentemente facile, in realtà il suo è un lavoro complicato, ermeticamente serrato, che lascia poco spazio all’interpretazione perché lui cerca di controllare ogni dettaglio, dal più piccolo al più grande. E a chi guarda non resta che adeguarsi al suo codice semantico, rispettandolo.

frs.daniele@alice.it    www.danielefrisina.com

DANIELE FRISINA

Nato il 10 settembre del 1980 a Latina, dove vive e crea, diplomato maestro d’arte presso l’istituto d’arte A. Baboto, Daniele Frisina attinge a piene mani dal Giappone per sviluppare un proprio stile. I suoi quadri rievocano l’immediatezza e la forza espressiva tipica dei Manga Giapponesi, ma ciononostante appena li vedi li riconosci come suoi.  È proprio nell’originalità dei suoi soggetti la sua grande forza comunicativa.

VISITA LA SUA HOMEPAGE

Little Sweet Pain  – Esibizione
venerdì 27 febbraio 2009 alle ore 18.30
sabato 21 marzo 2009 alle ore 20.00
Luogo: Libreria Piermario&Co.
Indirizzo: Armellini, 26
Città: Latina

Fonte: Willoworld Creativity