Posts contrassegnato dai tag ‘demoni’

Sono esterrefatto. Davvero, non riesco a credere ai miei occhi. Eppure questi miei occhi hanno visto cose che voi umani… non pensate male, questa frase l’ho coniata molto prima del film di Ridley Scott. Non dimenticatevi che sono svariati secoli che sono a giro, io…

Comunque, vi stavo dicendo che non riesco a credere che, nonostante tutto quello che è stato detto, mostrato, fatto, voi umani continuiate a spingere a tavoletta sull’acceleratore. Lo sapete vero dove vi condurrà questa corsa sfrenata, no? Malgrado ciò, fate finta di nulla e andate avanti… Sfornate neonati come conigli, rosicchiando briciole del loro futuro. Come lo immaginate questo vostro mondo tra venti anni, o tra quaranta?
Che importa, si vive adesso, e poi le cose cambieranno, certo… si sistemeranno da sole…

Com’è possibile che siate ancora a rincorrere le false chimere del denaro e della popolarità? Come riuscite a dormire la notte sapendo che per ogni vostro giorno vissuto nell’incoerenza e nello spreco, ne spetterà uno di miseria per i vostri figli? Com’è che, con tutta la vostra creatività, non siete capaci di reinventarvi la vita?

Ma che sciocco che sono… si, anche i demoni come me possono illudersi, cadere nella trappola che i vostri signori vendono col nome di “speranza”. La speranza degli stolti, dico io… Le cose non si rimettono a posto da sole. Servono cambiamenti, sacrifici, evoluzioni. Serve dire Basta. Serve dire No. Siete ancora capaci di dire “No”, come ripetevate di continuo quando eravate dei bambini?

Oh, io adoro i bambini… è la parte di voi umani che preferisco. Il problema è che quando crescete vi trasformate, come il processo inverso della crisalide. Da splendide farfalle piene di colore e vitalità, vi tramutate in esseri privi di spina dorsale, capaci soltanto di strisciare. Vermi, ecco casa siete… E ve l’ho già detto più volte!!

E vabbè, non ci posso fare nulla. Tornerò al mio lavoro, mentre sono sicuro che voi tornerete al vostro folle auto annientamento. Anche per oggi mi sono sfogato… È un periodo strano, dev’essere il grigiore sopra la foresta, e il freddo che penetra attraverso le rocce umide della mia torre. Gor si è dimenticato anche oggi di accendere i fuochi, o forse lo ha fatto di proposito. Sta coltivando un sogno necrofilo. Vuole assaggiare la gelida carezza della dolce signora, ed ogni giorno mi sta dando un pretesto per esaudire questo suo macabro desiderio.

Ma d’altra parte cosa potrei aspettarmi da un essere umano deturpato come lui?

FONTE: Nekradamus.blogspot

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Like This!

RITORNO DALLE VACANZE

Pubblicato: 16 agosto 2009 da nekradamus in PENSIERO, RIFLESSIONI
Tag:, , , ,

Avete fatto ritorno dalle vacanze, o siete ancora fermi sull’autostrada? Avete preso la tintarella, o vi siete ritrovati con la pelle ricoperta di eritemi? Vi siete rilassati, oppure siete più stressati che mai? Beh, mi auguro che ne sia valsa un po’ la pena, perché vi aspetta un autunno feroce….

Ricordate la rana nella pentola? Vi stanno lessando un po’ alla volta, e quando ritornerete ai vostri impegni ed impieghi sarete pronti per sopportare un altro paio di gradi. D’altronde c’è la crisi, no? Dovete abbassare la testa e andare avanti, perché ormai è certo, lo hanno detto anche i giornali: la crisi sta per passare….

Piccoli uomini, ma non avete ancora capito come funziona? Il metodo è sempre quello; terrorizzare il popolo, metterlo in ginocchio, per poi manipolarlo a piacimento. Una crisi, un influenza, il bau-bau islamico, e via così, verso il tanto atteso Natale. Poi vi sentirete più buoni e vi riappacificherete col buon vecchio Jesus (di cui vi ricordate solo quando siete nei guai).

Avete sentito la mia mancanza? No? Immaginavo…
Sono stato lontano. Ho anche pensato di non tornare… Ma poi mi sono ricordato di Gor. Gli avevo promesso un filtro per acquietare le sue deviazioni sessuali. Povera creatura, continua a dissacrare cadaveri di fanciulle. Ci gioca nel sotterraneo della torre, fino a quando non incominciano a puzzare. Non vi dico in che condizioni ho trovato la mia dimora… Mi è toccato chiamare una squadra di filippine…

Comunque, tutto è bene ciò che finisce male. Sono di nuovo qui, ad osservarvi dall’alto della mia torre. Per adesso vi vedo tutti in fila sulle autostrade, stroncati dal caldo ma ubbidienti, pagate il pedaggio e tornate alle vostre miserabili vite, certi di non avere altra scelta.
Siete davvero uno spettacolo per demoni.

FONTE: Nekradamus

Bookmark and Share

IL REALITY SHOW DELL’UMANITÁ

Pubblicato: 31 maggio 2009 da nekradamus in GIOCHI, OCCULTISMO, POLITICA, RIFLESSIONI
Tag:, , , ,

É accaduto e non ve ne siete neanche accorti, un po’ come quella vecchia pubblicità della siringa che non fa male. Vi hanno tolto la spina dorsale. Non ce l’avete più. Anzi no, credete di averla, ma in realtà non ce l’avete.

I demonacci luridi si baloccano con le vostre vite. È un gioco triste, perché a un vero demone dovrebbero interessare altre cose; l’equilibrio, l’oscurità, il mistero, il cosmo infinito. Le domande sono molte. Il demone è anche uno studioso, un alchimista, un cercatore del vero. Sapete bene come li chiamo io quei demoni che stanno sulle poltrone del potere, quelli di basso rango per intenderci…

Usano servitori privi di cervello, gaunt della notte e ghouls, che voi chiamate forze dell’ordine, creature abbiette incapaci di provare delle vere emozioni, macchine organiche manipolate con sottili espedienti di persuasione. Soldati, poliziotti, guardie, pedine di un gioco già visto. La vecchia storia si ripete nei secoli. L’uomo alto contro l’uomo basso. Il bianco contro il nero. Il bello contro il brutto. Il forte contro il debole.

Non ci credete? Pensate che stia esagerando? E allora ditemi, perché tra voi e i demonacci c’è sempre di mezzo uno squadrone armato di queste creature? Perché i vostri “rappresentanti” devono circondarsi di ghouls e nascondersi dentro bunkers, invece di accogliervi ed invitarvi a parlare? Perché non potete più fare le domande che volete? Perché venite respinti, maltrattati, cacciati, intimoriti, picchiati, uccisi… Perché non potete riprendere con le vostre telecamere o scattare foto?

Ve lo dico io. Perché avete perso la spina dorsale. Ve l’hanno tolta, un poco alla volta, e così vi siete ritrovati a strisciare pensando di camminare fieri, sulle strade della vostra splendida civiltà. È pur vero che alcuni di voi sono riusciti a conservarla, e combattono con quello che hanno, scalciando, graffiando, urlando il loro desiderio di libertà. Ma voi li osservate inermi, denigrandoli, pensando che siano loro i ghouls, le creature senza anima. Beh, vi sbagliate. Anche qui vi sbagliate…

Anellidi rosicchianti di reality show, continuate ad aggrovigliarvi nelle vostre camere da letto, procreando nuovi vermi. Come bachi da seta venite usati per portare avanti la grande pantomima che i vostri signori chiamano Democrazia. Siete solo eventuali voti, ecco cosa siete.

Io rimarrò ad osservarvi, dalla mia torre che svetta alta oltre le nebbie del vostro mondo. La storia di voi uomini è solo una parentesi dell’eternità che ho davanti, e tra tutti i reality, è sicuramente quello più divertente. Buona vita, come disse qualcuno…

FONTE: Nekradamus.blogspot

Bookmark and Share

spengi-la-luce-demone

Stasera richiamerete l’oscurità, piccoli umani, e forse vi sentirete un po’ più demoni… Ma é solo un gioco, non preoccupatevi. Perché le tenebre vi spaventano, e riuscite a tollerarle solo perché l’interruttore rimane lì, a due passi da voi. Farete bruciare qualche candela, tanto per non sentirvi totalmente alla mercé delle creature della notte. Perché voi vi sentite entità di luce, riflessi del giorno, pulviscoli dell’universo. Quanto vi sbagliate!!!

La chiamate “sensibilizzazione”, fate il vostro giochino, magari anche solo una volta all’anno, e questo vi fa sentire magnificamente. Il nuovo nemico dell’umanità non ha volto. Niente bene e male, solo una grande e onorevole missione: SALVARE IL PIANETA!

Uomini, quand’è che accetterete il semplice fatto che siete soltanto gli inquilini di mondo di passaggio. Il pianeta sta benissimo, siete voi che siete in pericolo…. Il pianeta se la caverà, lo ha fatto in passato e lo fará per molti milioni di anni, ma per allora voi potreste essere ovunque, magari sotto una roccia nella forma di un nuovo muschio.

Un consiglio da demone a dei demoni che hanno perso la strada: spengete la luce, e provate a non riaccenderla più. Questa è la vera sfida. Potrebbe essere l’opportunità per riappropriarvi della vostra identità. Alcuni di voi lo hanno già fatto, ma hanno scelto le strade meno nobili. Io li chiamo Demoni di Basso Rango, e sapete a chi mi riferisco. Politici, banchieri e saltimbanchi del mondo di cellulosa. Non emulateli! Trovate il vero demone che è in voi!

Le ombre calano sul mondo, come una coltre rassicurante. Respirate l’oscurità. Fatela vostra. Tornate ad essere creature delle tenebre!

FONTE: Nekradamus

LA NOSTRA VERA NATURA

Pubblicato: 18 marzo 2009 da nekradamus in 9/11, GUERRA, RELIGIONE, RIFLESSIONI
Tag:, , , ,

Vi hanno fatto credere al mito del denaro.
Vi hanno fatto credere alla democrazia.
Vi hanno fatto credere alla guerra di pace.
Vi hanno fatto credere ai terroristi.
Vi hanno fatto credere agli infedeli.
Vi hanno fatto credere alla luna.
Vi hanno fatto credere che tutto va bene.
Vi hanno fatto credere a Lee Harvey Oswald.
Vi hanno fatto credere alla droga.
Vi hanno fatto credere alla TV.
Vi hanno fatto credere all’inferno.
Vi hanno fatto credere alla famiglia.
Vi hanno fatto credere al male ed al bene.
Vi hanno fatto credere alla crisi.
Vi hanno fatto credere alla guerra fredda.
Vi hanno fatto credere a Hollywood.
Vi hanno fatto credere al calcio.
Vi hanno fatto credere alla patria.
Vi hanno fatto credere a Dio…

…non vi sembra che sia venuto il momento di dubitare, miei piccoli umani?
E quando si incomincia a dubitare, si affilano gli artigli, e ci si riappropria della nostra natura…
… perché lo sapete che siamo tutti un po’ demoni.

FONTE: Nekradamus.blogspot

LA PAPPETTA DELLA CRISI

Pubblicato: 25 febbraio 2009 da nekradamus in CRONACA, RIFLESSIONI
Tag:, ,
Ohhhh, da quanto tempo che non venivo da queste parti. Miei piccoli umani, mi spiace di avervi abbandonati per più di un mese, ma avevo i miei affari. I Demoni non stanno mai fermi, o almeno non del tutto. Posso godermi un bicchiere di vino ambrato e sedere comodamente sulla poltrona nella stanza più alta della mia torre, e nello stesso tempo muovere i fili di mondi distanti. Gor ovviamente pensa al resto. Code di ratti e ali di pipistrello…

La mia assenza è stata prettamente fisica, anzi no, virtuale… In verità non ho mai smesso di osservarvi, cercando come sempre di comprendere la vostra natura, perdendomi a volte nelle inutili ricerche dei soliti “perché”, per poi ritrovarmi a sorridere. Non esistono “perché” che possano giustificare le vostre bizzarre pratiche.

Prendiamo ad esempio la Crisi, come vi piace chiamarla. Ormai ha il suo nome e questo vi aiuta a conoscerla, a non temerla.
“La Crisi. C’è la Crisi. Per forza, è colpa della Crisi!”
Con queste cinque lettere vi siete già arresi. Non vi chiedete chi siano i responsabili di questa Crisi. Non cercate una spiegazione, ma vi accomodate stupidamente alla tavola imbandita apposta per voi, e iniziate a mangiare la pappetta che vi hanno preparato. È la solita pappetta, quella che vi rifilano ogni volta. Non sa di niente ma vi riempie lo stomaco.

Nessuno si chiede perché il demone nero, uscito da qualche piega dell’aria per salvare il mondo, si sia circondato di personaggi che hanno a che fare direttamente con le cause di questa Crisi. Nessuno si domanda se qualche responsabile sia stato portato a giudizio. La Crisi incombe ma nessuno dice nulla. Mangiate tutti insieme la pappetta della Crisi.

Che dire, siete curiosi…. Nell’universo esistono miliardi di forme di vita, ma voi siete semplicemente unici. Una razza abbietta di demoni masochisti, tra i quali a volte spuntano soggetti bizzarri, spesso pericolosi. Ma non temete. L’universo è al sicuro. Sono eoni che l’umanità è stata bandita, ripudiata, confinata ai limiti della galassia a ricercare il bandolo della matassa. Qualcuno a volte riesce a comprendere come stanno realmente le cose, e allora prende il volo. Ma soggetti simili diventano sempre più rari….

Buonanotte umani. Si, esattamente, avete capito bene. Buonanotte. Perché la notte più lunga è appena incominciata.

LINK CONSIGLIATI: The Crisis Project

FONTE: Nekradamus.bolgspot

DISTRAZIONI DI UN DEMONE DI ALTO RANGO

Pubblicato: 12 novembre 2008 da nekradamus in CRONACA, RIFLESSIONI
Tag:, ,

child2

Stasera ho da fare. Anche io ho le miei distrazioni. Sono un demone, dopotutto…
L’uomo del ventunesimo secolo, che aspira alle alte sfere della demonizzazione, si balocca con insipidi passatempi; il potere, i soldi, il sesso. C’è più gusto ad osservare il lavoro di un serial killer che quello di un direttore di banca. Il secondo dei due, inconsapevolmente, potrebbe causare ancora più male del primo.

Tutti, o quasi, hanno scelto una strada diversa dalla mia. La scorciatoia, la chiamo io. Demone subito, ma di stirpe volgare. Ombrati e striscianti, niente più… Sono la spazzatura del Grande Disegno.
Le mie distrazioni hanno a che fare con queste creature. Uomini violenti, commercianti di morte, politici corrotti, molestatori, assassini e soprattutto pedofili. Come il povero diavolo che mi ha portato oggi GOR, mio fedele compagno. Gli ha dato una sistemazione come si conviene: la fredda cella sotto la rocca. Come lui ce ne sono tantissimi. Coprono notevoli distanze per soddisfare le loro turpi voglie, meschini esseri prigionieri delle deviazioni dei loro corpi.

Nella grande Asia sono migliaia le bambine costrette prostituirsi. Hanno un età compresa tra i cinque e i dodici anni. Vengono vendute dai genitori per disperazione, portate nelle grandi città, sistemate in un loculo di pochi metri quadri, senza letto, senza servizi igienici, ed ogni giorno vengono avvicinate mediamente da 15 uomini, costrette a fare sesso dalle 20 alle 30 volte il dì, 365 giorni all’anno. La speranza di vita per queste bimbe è di 5 anni. Sono questi i luoghi in cui pullulano demoni striscianti come quello che mi aspetta giù, nella prigione dietro la stanza dei giochi.

Lo sento che urla. Dalla finestrella avrà intuito quello che gli aspetta. Ho molti nuovi giocattoli da provare… Spero fervidamente che riesca ad intrattenermi per qualche ora. Nel caso mi deludesse, potrei sempre usare le mie droghe ricostruenti, e continuare a lavorarmelo fino all’alba.
Adesso vi devo lasciare, amici miei…
…Nekradamus ha da fare….
Buonanotte….

FONTE: Nekradamus

UNA SPRUZZATA DI DDT

Pubblicato: 15 ottobre 2008 da nekradamus in FUMETTI, POLITICA, RIFLESSIONI
Tag:, , ,

Italiani… poverini. Un popolo che conosco bene, perché la mia torre non dista poi molto dalla bella penisola fatta a stivale. In che brutta situazione si sono cacciati… e sono pure contenti, almeno secondo le ultime statistiche. Il demone che venerano ha un fascino indiscutibile. È proprio quella la sua arma più pericolosa. Al pari di un incantatore di serpenti o di un vampiro, inebria le menti di giovani anime, spaurite ed ingenue creature che assaporano l’immortalità attraverso le sue manifestazioni televisive, le parodie che propone, le meraviglie che ostenta. Un demone astuto, ma volgare, permettetemi di dirvelo. Anche i demoni hanno il loro onore, e questo Bilosco non ne detiene neanche un’oncia.

Ed infatti chi sono questi uomini e donne che pendono dalle sue labbra… Spiriti di basso regno, esibizioni di vita simili ai molluschi, carne movente senza cervello. Ecco chi sono. E questa italietta di inizio millennio ne è piena. Lombrichi, vermiciattoli, sanguisughe, scarafaggi, zecche. A milioni si riversano sulle strade, se ne vanno a lavoro, tirano avanti la macchinetta infernale. A sera se ne tornano nelle loro tane, accendono la televisione e venerano estasiati il loro nuovo dio, bello, sorridente, asfaltato.
Una spruzzata di DDT, ecco cosa ci vorrebbe.
“GOR, PREPARA LA POZIONE VAI!”

FONTE: Nekradamus

IL CROLLO

Pubblicato: 21 settembre 2008 da nekradamus in RIFLESSIONI
Tag:, , ,

L’uomo del ventunesimo secolo crolla insieme alle macerie delle sue torri, quelle di madreperla, quelle innalzate per ostentare la propria onnipotenza. Ho finalmente capito la pochezza che vi abita, umani travestiti da demoni. No, non siete altro che delle caricature dei miei fratelli, abitatori degli abissi, creature dell’ombra, lucertole di fuoco. Per troppo tempo vi ho osservato, apprezzando i vostri subdoli giochi, confidando peraltro in voi, perché ero sicuro che possedeste la carta vincente, l’asso piglia tutto, la matta oppure il jolly. Niente… Il vostro infallibile sistema si sta rivelando tutt’altro che infallibile. Nel frattempo continuate a parlare di spettacolo, di sport, di intrattenimento. La nave affonda e i suoi passeggeri se ne stanno buoni buoni sottocoperta, a vedere la nuova puntata del Milionario. Eppure ce n’erano state di avvisaglie, no? Si sapeva che quel dannatissimo iceberg stava venendo proprio addosso a voi!
Il grande castello del capitalismo si sgretola, è fatto di sabbia, non c’è bisogno di uno tzunami per raderlo al suolo. Basta un’onda birichina…
Dalla mia torre vi osservo, insensibile alla sofferenza, deliziato dalle vostre rocambolesche avventure.
Gor mi servirà la cena tra poco. Fegato di vitella, patate novelle passate nel burro e una coppetta di fragole al balsamico. Il tutto annaffiato da un bicchiere di Ornellaia. Come me lo sono procurato? Mi spiace, questi sono segreti da demoni…
Ho fatto apparecchiare il tavolino alla finestra. Prima di coricarmi sono curioso di vedere come chiuderanno oggi le vostre borse. Ho un altro brutto presentimento…
Ah, ah, ah! Ah, ah, ah!

FONTE: Nekradamus

IL RISCATTO DEI VERMI

Pubblicato: 7 luglio 2008 da nekradamus in PENSIERO, POLITICA
Tag:, , ,

g8

Vorrei continuare a parlarvi, io demone sul pulpito del vostro mondo in declino, ma ogni volta diventa più difficile. Le mie parole si sgonfiano appena attraversano i vostri occhi. Perdono significato, diventano vuote, inutili… No, non ho motivo di aiutarvi. Ho assistito alla fine di altri mondi, e ormai mi sono convinto che ogni civiltà è destinata a crollare. È una legge fisica. Chi si arrampica in alto, prima o poi deve scendere, o altrimenti cadere.

Manca poco alle grandi guerre. Ma chi voglio prendere in giro!? Le guerre da voi non sono mai finite, e anche in quei rari momenti di pace, avete sempre continuato le vostre danze di violenza e dolore. Uno spettacolo affascinante per degli occhi perversi come i miei. Eppure mi sono stancato di guardarvi…

Osservo i demoni del vostro tempo riunirsi come al solito, complottare in segreto disegni a voi sconosciuti. Pensate che si preoccupino di voi… Ingenui! I loro obbiettivi sono talmente lontani dalla vostra comprensione che se ne scorgeste solo una minima parte vi togliereste la vita. Non offendetevi, ma per loro siete alla stregua dei vermi…

Ma anche i vermi hanno diritto di vivere, ed io l’ho ripetuto spesso ai miei colleghi. Nekradamus è un demone diverso. Potreste chiamarlo “progressista”. Mi viene da ridere… Eppure credo fermamente che l’equilibrio sia l’unica soluzione per portare avanti un universo. Le vostre microrealtà alimentano la macchina che intesse il grande disegno. Piccole, medie e grandi entità cosmiche risentono delle vostre scelte, delle parole che proferite, dei gesti che dispensate. L’amore, una variabile potentissima, la vostra unica arma di difesa. Usatela, così come il verme utilizza il suo corpo ad anelli per strisciare.

Vivete le vostre vite, piccoli uomini. Rigettate l’ombra espandendo luce. Anche un fiammifero può fare la differenza nell’assurda oscurità del cosmo.
Gli otto, insieme ad altre aberranti creature, continueranno i loro giochi di potere. Per loro rimanete dei vermi…
… eppure anche per i vermi arriva il giorno del riscatto. Tre metri sotto terra, al buio. Il banchetto avrà inizio. Abbiate fiducia. Arriverà anche per voi quel giorno…

FONT: Nekradamus

LA FINE DELLA COMMEDIA

Pubblicato: 13 giugno 2008 da nekradamus in RIFLESSIONI
Tag:, , , ,

Nella caduta, la velocità dell’oggetto è legata al suo peso.
Il vostro mondo sta per finire. L’asfalto è poche centinaia di metri dal corpo in caduta. Il paracadute non si aprirà. Inutile far finta di niente. No, non si aprirà.
La torre dove risiedo appartiene a un interstizio del tempo. Non ne subirà alcun danno. Potrò rimanermene a guardarvi rotolare nei resti di questa vostra società in disfacimento. Osserverò il vostro attaccamento alla vita, l’accanimento terapeutico su una razza in estinzione.
Gor ha comprato il vino. Sarà uno spettacolo impedibile.

Potreste arrivare a pensare che coloro che muovono i fili non hanno nessun interesse alla distruzione. In fondo, come potrebbero dominare un mondo che non esiste più. Che senso avrebbe distruggere il proprio regno, la propria casa, e tutto quello che sostiene il proprio trono. No, non ha nessun senso per voi piccoli mortali. Non ha senso perché non credete in altre possibilità se non quella che vi viene dipinta sugli occhi.
Ma se io vi dicessi che esistono altri mondi, altre realtà, sorprendenti manifestazioni di vita, che trascendono il vostro comprendonio. No, non guardate lo spazio infinito sopra le vostre teste. Non riuscite neanche ad afferrare quello, figuriamoci se io vi parlassi dei multimondi, i microuniversi, le entità cosmiche, e naturalmente, i demoni…

Coloro che hanno in mano il vostro destino aspirano ben più che all’oro e al potere. Ne hanno quanto ne vogliono, ormai. Neanche l’immortalità della loro anima è un prezzo abbastanza prestigioso per loro. No, loro hanno un’altra agenda. Vogliono scalare le montagne della follia, sporgere la testa fuori dal drappo, guardare con occhi di lava il volto dei grandi antichi, e ridere insieme a loro. Per l’eternità.
È un gioco di poteri più alti, una scacchiera in cui voi tutti fate la parte dei pedoni sacrificabili. Non contate nulla per loro.
Vi do un consiglio: dormite. Continuate a dormire. Sognate… E mentre sognate, preparatevi all’avvento. Il vostro mondo è alla fine.
Esercitatevi. Forse farete parte della prossima commedia.

FONTE: Nekradamus