Posts contrassegnato dai tag ‘europee’

Cara amica, caro amico,
a un anno dalle ultime elezioni politiche ci troviamo a dover affrontare una breve ma decisiva campagna elettorale. In poche settimane i comunisti sono riusciti nel record negativo di infangare con la menzogna la mia reputazione, costruita con fatica in 50 anni di duro lavoro con l’aiuto dell’avvocato Cesare Previti e del bibliofilo Marcello Dell’Utri. L’ingiusta condanna per corruzione di Mills, che io non ho mai conosciuto, da parte della toga rossa Gandus, e la mia presunta frequentazione con una minorenne di nome Noemi, ragazza di buona famiglia e illibata come ha dichiarato il padre Benedetto Letizia, sono uno scandalo. L’immagine del nostro Paese all’estero è stata gravemente danneggiata per colpa della magistratura deviata e della sinistra.
Per riparare al danno è necessario dare maggiori poteri all’esecutivo e limitare lo strapotere della magistratura e questo sarà un mio preciso e urgente dovere.
Il voto degli elettori alle prossime elezioni europee confermerà la bontà delle scelte del mio Governo: dai termovalorizzatori, alle discariche, alle centrali nucleari, al ponte di Messina, alla designazione dei ministri Carfagna e Brambilla
La sinistra, in questo veramente staliniana, ha accusato il sottoscritto di aver voluto sfuggire al giudizio della magistratura con il Lodo Alfano. Nulla di più falso. Il Lodo Alfano è stato concepito nell’interesse degli italiani, per garantire alle prime quattro cariche dello Stato, e non solo al Presidente del Consiglio, la giusta serenità nell’esercizio delle loro funzioni per la durata del mandato.
In Italia l’informazione è nelle mani della sinistra, per questo Ti chiedo di
diffondere questo volantino e di illustrarne i contenuti ai tuoi amici e congiunti.
Sto elaborando in questi giorni un vero e proprio Albo dei difensori della libertà di informazione. Ne fanno parte, tra gli altri, Belpietro, Rossella, Riotta, Giordano, Mimun e Fede. Ti prego pertanto di contattare il tuo coordinamento comunale, quello provinciale o direttamente gli uffici di Milano e Roma per metterti in contatto con loro. Nel caso Tu sia una ragazza maggiorenne e di bella presenza puoi inviare il tuo book unitamente al numero di cellulare.
Ci attende una sfida importante, una partita decisiva per le sorti del nostro Paese, delle nostre famiglie e dei nostri figli. E’ giunto il momento che anche Tu scenda in campo per salvaguardare l’Italia da una dissennata gestione e da un futuro illiberale.
Un forte abbraccio ed un ringraziamento di cuore,
tuo papi, Silvio Berlusconi

Stampa e diffondi il volantino

Fonte: Beppe.it

Mi raccomando elettore, tu che leggi diffondi questa importantissima lettera… Ne vale della libertà del tuo Paese! W tutti i papi d’Italia!!!

Saluti

Luigi De Magistris, il magistrato bersagliato da tutti gli organi politici e non, ha deciso di candidarsi alle prossime Europee con l’Italia dei Valori di Antonio Di Pietro.
Posso solo dire: un motivo in più per votare l’IDV.

Solo una cosa mi spiace e cioè la strumentalizzazione mediatica che verrà fatta di questa vicenda. A dire il vero hanno già iniziato i due lacchè berluscones che hanno i nomi di Mastella e Gasparri…

Di Mastella ci sarebbe moltissimo da dire: ha cambiato 100 volte schieramento, va a matrimoni di dubbia appartenenza, ha fatto affari con Saladino, il suo partito è quasi tutto sotto indagine, la moglie piazzava allegramente amici e parenti negli ospedali… E a proposito della moglie che tutti i media mesi fa davano per “santarella” perseguitata… Ascoltate qui e fatevi un’idea sul clan Mastella!

Di Gasparri ci sarebbe altrettanto da dire, ma poi uno lo guarda in faccia e pensa: “ma si può dar credito a uno che ha sta faccia?”… Rispondetevi da soli.
Cmq ha asserito che De Magistris si sia candidato per avere l’immunità parlamentare (loro la conoscono bene). Parla proprio lui che ha come padrone uno che si è fatto il Lodo Alfano!

Saluti

P.S.- Notare le differenze: l’IDV candida gente come Luigi De Magistris e Carlo Vulpio mentre il PDL, oltre a Clemente Mastella, gente come Nino Strano.

Qualcuno cominciava a sentire la mancanza politica di Clemente Mastella?
Se così fosse posso rassicurarlo annunciandogli che il nostro tornerà in pompa magna candidandosi alle europee! Indovinate con chi? Ma in seno al PDL che quando si tratta di prender su cani e porci (mi scuso con tutti i cani e porci se dovessero sentirsi offesi per la citazione) non si tira mai indietro.

Se devo essere sincero in cuor mio temevo che ci fosse questo grande ritorno. Il Clementone dopo aver girovagato per tutte le tv nostrane, con appuntamento fisso su Rai 2 a Quelli che il calcio, aveva una gran voglia di riprendere quella carriera trentennale di fancazzismo clientelare e familiare, nonché politico, che tutti conosciamo. E pazienza se prende una pensione come giornalista dopo soli 6 mesi di lavoro, pazienza se ha usato e usa fondi pubblici destinati al Campanile (giornale del partito con tiratura di 30 copie al mese) per scopi personali e familiari. Pazienza se ha affossato l’inchiesta Why Not solo perché probabilmente c’era dentro fino al collo e pazienza se usa la politica come ufficio di collocamento per amici e parenti. Pazienza se ha fatto cadere un governo per 10 senatori promessi e pazienza per tante altre cose che non aggiungerò in quanto non avrei abbastanza tempo per elencarle tutte.

Mastella si sa è amante del vento e si spinge sempre verso le temperature migliori… Una volta a dx, una a sx, una al centro… Insomma dove c’è poltrona c’è Mastella.
Mi chiedevo: ma portare uno come lui nel proprio gruppo non fa perdere voti invece che guadagnarne? Ma all’italiano medio berlusconiano il fatto che il Clementone vada con il PDL non fa venire alla mente riflessioni sul proprio partito? A me ne farebbe venire tante, molte di più di quelle che già ho.

Saluti