Posts contrassegnato dai tag ‘leggere’

L’applicazione gratuita Spreeder promette di velocizzare i tuoi tempi di lettura fino a 1000 parole al minuto attraverso un semplice esercizio da fare con qualsiasi testo. Basta copiarlo ed incollarlo sul riquadro di questo link. Fate scorrere il testo iniziando ad una velocità di 300 P/M, poi rileggetelo raddoppiando la velocità. Una volta che tornerete a leggerlo a 300 P/M vi sembrerà scorrere molto più lentamente. Ripetete questo esercizio varie volte, aumentando gradualmente la velocità.

Spreeder non assicura soltanto una velocizzazione nei tempi di lettura ma anche una migliore comprensione dei testi. L’applicazione infatti forza l’utente a concentrarsi totalmente sulla lettura.

Questo è il link del progetto: http://www.spreeder.com/

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Like This!

LEGGERE IN RETE… CHE PIACERE!

Pubblicato: 15 febbraio 2010 da Willoworld in INTERNET, LIBRI, VARIE
Tag:, , , ,

Leggere comodamente un articolo, una storia o qualsiasi altro tipo di testo su internet può rivelarsi a volte un’esperienza difficile, o per colpa del browser o più probabilmente a causa del template che ospita il pezzo. Occupandomi da molto tempo ormai di lettura e scrittura on-line, trovo che la questione sia estremamente interessante. Per questo motivo sono rimasto felicemente sorpreso quando casualmente mi sono imbattuto in questo semplicissimo programma, che con un semplice click riorganizza la pagina che vuoi leggere nella forma più congeniale.

Entrate nel sito di Readibility, impostate la modalità di lettura che preferite, inseriste traslandolo il bottone sulla barra del vostro browser e il gioco è fatto. Ogni volta che incapperete in una pagina dai caratteri minuti o dagli sfondi bislacchi, potrete cliccare il bottone e ottenere la medesima pagina nella risoluzione ideale alla lettura.

http://lab.arc90.com/experiments/readability/

morte

Secondo numero del Corriere di Willoworld. Mi auguro vivamente che del primo ne siano girate delle copie. Molte volte ho sentito le persone lamentarsi del fatto che leggere al computer è stancante, credo perciò che con questa iniziativa si possa raggiungere un soddisfacente numero di lettori. È necessario però un minimo di supporto, quindi mi raccomando STAMPATE, SPILLATE E FATE GIRARE!

Questa settimana le danze si aprono con un raccontino che ho scritto recentemente, una favola ironica sul tema del file sharing. Seguono poi gli interventi di Hermes e di Matteo Cerboneschi, una perla sadica dell’alter ego Jonathan Macini, le prestidigitazioni di G., le saggezze di strada di Gano, per finire come al solito con alcune brevi immagini di Fida, Fatum Poetum, Charles Huxley, Notorius ed il solito GM Willo. Buona Lettura!

SCARICA IL SECONDO NUMERO DEL CORRIERE

SCARICA GLI ALTRI NUMERI

letture-da-panchina

CHELATNA LAKE
di Davide Bandinelli

Ormai sfinito dal lungo viaggio, lascio cadere le borsa impermeabile nera sul pianerottolo di Freedom House in modo scomposto. Mi tolgo lo zaino con fatica e cerco nella tasca della giacca militare le chiavi del mio piccolo Chalet. Nonostante sia iniziata l’estate la temperatura non è certo la stessa di quella che ho lasciato in Italia, e lo capisco più dal respiro affannato che si trasforma in leggere nuvole di vapore, che dalla percezione del corpo, ancora caldo dopo il lungo cammino intrapreso. Mi sembra che il viaggio sia durato un mese, sono stanco… continua…

LA MOGLIE DEL TRIPPA
di Gano

Fuori pioveva e stare dentro al bar era una bellezza. Avete presente quelle giornate di febbraio, fredde e buie, e magari tira anche un vento bastardo dal nord, di quello che ti gela dentro, e porta sempre una pioggerella fina, che sembra innocua ma poi te la ritrovi anche nelle mutande. Insomma, era giornata di quelle, e fare due chiacchiere con la Giorgia mentre mi prepara il corretto a stravecchio è come stare in paradiso. Della Giorgia ve ne ho già parlato, mi sembra… continua…

LA METAMORFOSI DI NARCISO
di Demiurgus

Bagliori bluastri di pigre sirene, un cielo piombato di pioggia che non vuol piangere su di me. Mani guantate mi frugano addosso, mi scuotono, mentre sudato li lascio fare, non m’importa…
Ho gli occhi secchi e la faccia di un morto, livido, freddo…
“…Capo, dia un’occhiata…”
Il poliziotto estrae il foglio giallastro umido di morte, l’ultimo mio scritto.
Lo estrae dal cappotto che ho indosso, madido di fango grigiastro… il suo cappotto dalle piume nere… continua…

L’URNA DEL SACRO TÉ
di Aeribella Lastelle

Nella città di Clarabia, presso il palazzo reale della principessa Gigliola, si trova l’Urna del Sacro Tè, il cui prezioso contenuto altro non è che la cosa più desiderata dell’intero continente emerso (infatti gli abitanti dei Mari non usano prendere il tè!). Il pregiato contenuto dell’Urna è un estratto di foglie incantate provenienti da una pianta sconosciuta, proveniente da una remota dimensione dello spazio. Tali foglie possono essere utilizzate infinite volte e l’infuso che ne deriva possiede poteri illimitati. Per questo motivo viene chiamato il Tè dei Desideri… continua…

RANDAGIO
di Gano

Cerchi un pasto tra i cassonetti, Fido. Un osso, avanzi di pane, o al limite lecchi il sugo che sgocciola. Non te la passi poi così male, dai!… continua…

E infine due poesie di Gano

CULO

UN MONDO A GAMBE APERTE