Posts contrassegnato dai tag ‘Multinazionali’

Serrate i portafogli e le borse, chiudete a chiave le carte di credito e dimenticatevi del vostro hobby preferito: lo shopping.

Sabato 27 novembre 2010 è il Buy Nothing Day, la giornata mondiale del non acquisto. Un giorno da passare insieme agli amici e alla famiglia fuori dai negozi, in sintonia con la vita. Le regole sono semplici; 24 ore di disintossicazione dallo shopping. Chiunque può partecipare a condizione di passare un giorno senza spendere!

Tutto ciò che acquistiamo ha un impatto sull’ambiente. Il Buy Nothing Day vuole fare riflettere sulle conseguenze ambientali ed etiche del consumismo. Il 20% della popolazione mondiale consuma oltre l’80% delle risorse naturali della terra, provocando un preoccupante danno ambientale, e una iniqua distribuzione della ricchezza.

Come consumatori abbiamo bisogno di mettere in discussione i prodotti che acquistiamo e sfidare le aziende che li producono. Quali sono i rischi reali per l’ambiente e per paesi in via di sviluppo? Sappiamo tutti che il riciclaggio è OK, ma è sempre meglio consumare meno, perciò il Buy Nothing Day è un ottimo modo per iniziare.

Aggregati ad uno dei Meetup nel mondo. Clikka qui.

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Like This!

Parte 2 del servizio cancellato dal sito della BBC

La scorsa settimana la BBC ha deciso di cancellare dal proprio sito web una schiacciante indagine della serie “Newsnight” sullo scandalo Trafigura, a seguito delle minacce della compagnia e dei suoi controversi avvocati, Carter-Ruck.

Precedentemente, altre fonti di informazione inclusi il Times e l’Independent, hanno ritirato articoli sul caso, tra la preoccupazione che la stampa britannica stia scegliendo di autocensurarsi piuttosto che rischiare un confronto con una compagnia così potente in uno dei soliti processi inglesi per diffamazione, arcaici e a senso unico.

La BBC è un pezzo grosso tra i media britannici, e la sua indipendenza – che si suppone garantita dai milioni che riceve ogni anno dai contribuenti con il canone – è vitale sia per la sua funzione di servizio pubblico che per la sua reputazione mondiale.

La libertà di parola significa molto poco senza una effettiva indipendenza dei media – se è vero che l’indipendenza della BBC può essere compromessa così facilmente da minacce legali, allora siamo di fronte a un pericoloso precedente.

I principali media inglesi hanno accuratamente evitato di riportare la rinuncia della BBC. Eppure è un argomento che solleva domande serie sullo stato della libertà di stampa in Inghilterra in un periodo di attacchi senza precedenti ai media.

Per aiutare a sabotare quest’ultimo tentativo di mettere il bavaglio alla stampa, per favore includete questo video sul vostro blog e linkate a questo PDF con la storia originale.

TRADUZIONE DEL PDF CON LA STORIA ORIGINALE, DALLA CACHE DI GOOGLE

E’ il più grande scandalo sulla discarica di rifiuti tossici del 21° secolo, il tipo di vandalismo ambientale per prevenire il quale si suppone i trattati internazionali esistano. Ora Newsnight può rivelare la verità su un carico di rifiuti che è stato portato illegalmente nella più grande città della Costa d’Avorio, Abidjan. Una enorme multinazionale è stata citata all’ Alta Corte di Londra da migliaia di Africani che sostengono di essere stati danneggiati di conseguenza.

Le nostre investigazioni ci hanno portato ad Amsterdam, dove il carico di rifiuti tossici avrebbe potuto essere smaltito in maniera sicura. Invece la compagnia Trafigura ha scelto l’opzione economica di scaricarlo ad Abidjan.
(altro…)