Posts contrassegnato dai tag ‘tarantino’

SPAGHETTI PULP

Pubblicato: 3 giugno 2010 da Willoworld in EVENTI, LIBRI, NARRATIVA
Tag:, , , ,

Questa è la terza raccolta a tema delle Edizioni Willoworld, dopo La Leggenda di Udrien e altre fantastiche storie e Il Mondo oltre lo Spazio Disco.

Il genere pulp nasce in America negli anni venti grazie a riviste storiche quali “Weird Tales” e “The Strand”. Sarà proprio la qualità scadente di questi giornali, stampati con carta non rifilata di polpa di legno (pulp in inglese), a dare vita al fenomeno dei “Pulp Magazine”. All’epoca l’aggettivo “pulp” non definiva un vero e proprio genere, dato che su quelle riviste apparivano accanto ai racconti horror del grande Lovercraft le avventure di Conan il Cimmero di Howard. Solo in tempi recenti, grazie soprattutto ai film di Quentin Tarantino, il significato della “Pulp Story” ha assunto i consueti colori cremisi del sangue. È in sintonia con quest’ultima definizione che questa raccolta si pone.

Credo che possa parlare per tutti gli autori presenti in questa raccolta affermando che, nonostante i temi cruenti e morbosi affrontati, l’atteggiamento con cui queste storie sono state scritte è sicuramente giocoso. La voglia di raccontare storie, magari impegnandole di colori accesi, di frasi sporche, è un modo come un altro per divertirsi ed esorcizzare alcuni malanni della nostra società. Questo è il mood con cui mi piace sedermi davanti allo schermo e scrivere le mie storie.

Gli autori dei racconti presenti in questo libro partecipano alle attività ludiche e creative di una community on-line da me gestita. Rivoluzione Creativa è un luogo d’incontro dove poter creare in armonia sotto le regole del copyleft. Tutti quanti possono parteciparvi semplicemente registrandosi al sito: www.rivoluzionecreativa.co.nr.

Da grande amante di Tarantino ieri sera sono andato a vedere questo film che aspettavo da tempo.
Che dire sono rimasto positivamente Colpito, un mio amico lo aveva definito migliore di Kill Bill, personalmente sebbene si tratti di un film completamente differente e su tutt’ altra linea, il paragone non e’ appropriato.
Kill Bill rimane un Capolavoro, ma anche Bastardi senza Gloria decisamente apre un’ altra breccia nel mondo del Cinema che ormai ci ha abituato troppo spesso alle stesse cose.
Tarantino sperimenta nuovamente il suo Stile, fa scelte difficili come una storia piu’ lineare o lasciare ampie parti in lingua Tedesca.
Una scena in particolare e’ decisamente lunga forse anche pesante, ma seguendo lo stile che caratterizza il Film necessaria.
Bastardi senza Gloria nasce come un maccheroni war movie ma poi si discosta dallo steriotipo per perseguire una linea piu’ caratteristica.
Tipica la suddivisione in capitoli, e alcuni monologhi degni di nota.
Lo stesso film si apre con un bellissimo monologo dalla semplicita’ disallarmante che spiega in modo semplice una visione del perche’ i Nazisti odino gli Ebrei.
Il film riserva molte chicche ma non voglio stare a fare una descrizione approfondita, e’ un film che deve essere visto non redatto, poi ognuno tira le sue somme e nel caso discute sui vari punti.
Unico appunto che al momento mi trovo da fare e’ una caratterizzazione dei personaggi piu’ leggera del solito, almeno per alcuni, calcolando che Normalmente Tarantino parte proprio dai personaggi per poi creare il film e la storia alla stregua di un Gdr questa mancanza se cosi’ la vogliamo chiamare non riesco a spiegarmela.
Attore indiscusso del Film e’ il generale Tedesco, abile e fantastico per quanto sconosciuto una vera rivelazione.
Un film che consiglio a tutti, gli amanti di Tarantino sicuramente non mancheranno di vederlo ma ne consiglio la visione anche a coloro che normalmente non amano i film di Guerra

da cainos e’ tutto I lie I Cheat I steal

Beh Ciao a tutti, sembra che ci voglia sempre la morte di qualcuno per riportarmi a scrivere, e sinceramente il paragone quanto il Fio non e’ dei migliori e giusti.
Ieri e’ stato trovato morto uno degli attori che sentivo piu’ vicino, proprio il giorno prima avevo postato su Facebook la scena finale di Kill Bill dove viene ucciso da una splendida Uma Thurman con la tecnica del cuore che esplode con il tocco delle 5 dita.
David Carradine era Famoso, ma non cosi’ famoso, anche perche’ le sue apparizioni importanti si contano su una mano.
Per gli amanti di un genere di Nicchia era un esempio di filosofia e recitazione, come ad esempio Tarantino, che lo scelse per l’ importante ruolo di Bill, ma per molti altri era un emerito sconosciuto, o peggio quello pelato che faceva il Kung Fu quando ero piccolo……
Sono incredibili i suoi Monologi in Kill Bill aiutati anche da uno splendido doppiatore italiano, ma la mimica dei suoi gesti e del suo volto avevano del magico.
E’ stato trovato Impiccato in una camera di un Albergo a Bangkok, non e’ dato ancora sapere se suicidio o un gioco erotico finito male, sinceramente non mi interessa.
Per me Carradine rimane il Monaco Shaolin di Kung Fu e Bill di Kill Bill e cosi’ lo ricordero’

da cainos e’ tutto I Lie I Cheat I Steal